Blog

Print Friendly, PDF & Email

(A)simmetrie e Politica

1 quarksinthel 340x242

La simmetria, si è scoperto, si è rotta. Anzi non è mai esistita in natura. Un esperimento, visto attraverso uno specchio, può rivelare se è quello speculare o reale. Se solo questa considerazione fosse fatta propria in politica, non staremmo come siamo. Cerco di spiegarmi.

La destra non è simmetrica con la sinistra, nè l'alto col basso. Sono stati non riconducibili, non sono speculari. Son intrinsecamente diversi e non esiste alcuna trasformazione che trasformi l'una nell'altra. La sinistra non guadagna terreno se rincorre politiche, slogan e rappresentazioni tipiche della destra. Chi lo fa è già di destra.

La destra ha alcuni vantaggi posizionali, stà in una buca di potenziale in equilibrio: gioca facile sollecitando il lato oscuro presente in ognuno con parole semplici, efficaci, che non impegnano minimamente gli strati alti del cervello. Si appellano quasi esclusivamente al parasimpatico, come un talk show o saranno famosi. Il meccanismo è l'immedesimazione e la trasfigurazione, in cui ognuno si proietta nevroticamente in un altro volendo essere o come un fortunato miliardario oppure odiando ferocemente chi non ce l'ha fatta. Non esiste il senso critico, poichè si evita di far usare il cervello in modo tipicamente umano, cogitans. Una conseguenza è la notevole capacità di organizzarsi in coalizioni vincenti: non hanno bisogno di elucubrate piattaforme politiche, non hanno alcuna necessità di avere candidati autorevoli, normalmente accettabili, credibili o specchiati. Il loro successo sta tutto qua e, se consideriamo sia la propensione della maggioranza degli italiani a privilegiare il non-pensiero e il fatto che i poteri forti, quelli che realmente determinano lo scenario, vanno a nozze con tale impianto, allora vediamo che la destra realizza il modo perfetto per andare la potere.

Ben altra cosa la sinistra. Deve essere totalmente rifondata. Da troppo tempo ha mutuato pratiche di destra rendendosi irriconoscibile, anzi, peggio, molto peggio. La gente comune la odia ossessivamente poichè odia la parola sinistra e, quando viene usata facendo le stesse cose che fa la destra, si fornisce un formidabile strumento agli avversari per odiarla sempre di più. Come si suol dire, meglio l'orginale, per lo meno non prende in giro con slogan pateticamente egualitari. Un esempio lo vediamo adesso: la sinistra continua a proporre vecchi arnesi che hanno già dato prova di sè in molte occasioni. Qua non è questione se essi siano onesti, competenti, ma la loro indissolubile aura di deja vu. Anche Gesù avrebbe disprezzo se si ripresentasse a far miracoli. La mentalità di sinistra appartiene a chi pensa, riflette, studia e soffre. Necessita di uso non banale del cervello e qui sta il punto. Solo chi ha un bel caminetto, un buon brandy (io preferisco il whisky, Oban o Nikka) e tempo può elaborare ua visione del mondo progressiva e lungimirante, mentre chi non sa cosa farà domani ha solo l'istinto di sopravvvenza. Sembrerebbe quindi che sia impossibile conquistare il palazzo di inverno. Invece no, affatto. Quello che manca è una sinistra che abbia l'autorevolezza di parlare alle pance, di emozionare, di dipengere mondi migliori, attraverso persone che immediatamente appaiano "votabili", credibili, affabulanti. Corbyn, Sanders, Melenchon, Iglesias, Lenin, Che Guevara erano e sono così.

Quindi: condizione necassaria è nessuno dei vecchi si metta in mezzo, tutt'al più possono fare da tutori a nuovi volti. Possono essere visibili ma devono dire che fanno un passo di lato, con lealtà e nettezza. Ovviamente questo non è sufficiente. Ma neanche una buona base programmatica lo è, se non è incarnata da facce nuove e credibili in senso quasi religioso.

Print Friendly, PDF & Email

Napoli, città quantistica, continua...

bordi

 

 

 

 

 

 

napoli

 Se vado a Milano, a Roma, in qualsiasi altro posto, so grosso modo cosa mi aspetta. la rappresentazione che ho di questi luoghi si discosta poco da ciò che troverò e, se troverò qualcosa di diverso, lo saprò inquadrare rapidamente in uno schema. Questi luoghi sono classici: esistono indipendentemente da me e posso sperimentare su di essi altrerandone le caratteristiche in modo controllato. Possono anche sopraffarmi, ma sono sempre diversi e separati da me.

Napoli non è così. L'atto di osserverla la rende reale ed è reale per me in modo diverso da come è reale per un altro. Ogni istante essa cambia e cambia il modo con cui mi rapporto ad essa. Non c'è modo, anzi è inutile ed illusorio averne una rappresentazione astratta. Essa colliderà con ciò che sperimento, rendendola sempre diversa.

Napoli è una nostra costruzione, o meglio, rinasce da come la osserviamo. Per questo affascina, per questo è unica. E' un luogo quantistico. Vediamo le tavole di Moebius che in qualche modo rappresentano questa unicità.

Anche nella politica si nota tale profonda differenza. In molte organizzazioni politiche si avverte una sorta di grossa difficoltà nella capacità di incidere efficacemente nel reale. E, per paradosso, proprio in un luogo molto fervido ed attivo. Come può essere?

Un'ipotesi può essere quella del bordo, confine, muro. Abbiamo tutti bisogno di perimetrare il nostro luogo di azione, di definire gli ambiti in cui possiamo muoverci. Tali ambiti determinano sia "con chi" muoverci e sia "contro chi" muoverci. Il Muro di Berlino costituiva, in questo senso, l'emblema sia fisico che metaforico della nostra azione politica, con la sua plastica icona. Altri muri esistevano negli anni 60/70, il Vietnam, la Cina di Mao, l'imperialismo Americano. Ma anche le facce di Fanfani, Andreotti, facce proterve e feroci, come quelle di Nixon. Non è, inoltre, estraneo questo fenomeno, oggi, in molte parti di Italia, dove, ad esempio, le amministrazioni locali sono viste come un qualcosa di distante ed avverso, come muri o bordi contro cui scontrarsi.

Ed infatti notiamo il quei luoghi una ripresa, da parte della sinistra "storica", che coincide con la sinistra agè, del dibattito politico, con assemblee numerose e partecipate. Molto successo stanno avendo le assemblee filo-Brancaccio, capaci di rimobilitare molti compagni su un progetto di alternativa. A Napoli, no. E, secondo me, un motivo esiste. A Napoli con c'è bordo, non esistono muri, non esiste la presa del Palazzo d'inverno. Una  governance schiumosa, che è indefinibile dire se di destra o di sinistra, la presenza di una diffusa protesta proveniente dal movimentismo sono cose che instante dopo istante spiazzano nello spazio e nel tempo coloro che credono ancora in una politica strutturata, fatta di categorie consolidate. E' come una "schiuma di spin" quantistica, una lacerazione dello spazio tempo microscopica in cui sia lo spazio che il tempo vengono continuamente distrutti e ricreati. A Napoli è sempre tutto più difficile, essendo unica.

Print Friendly, PDF & Email

Scienza e Politica

Le scienze cosiddette esatte, come la matematica e la fisica, esistono per rappresentare il mondo in modo semplice, per esaltare il reale attraverso l'astrazione logico-formale. Nelle formule chedesemplificazione fanno parte di una teoria, c'è la massima espressione della sintesi di ciò che accade. Le quattro equazioni di Maxwell, l'equazione di Einstein, l'equazione di Schrödinger non fanno altro che prendere un'intera classe di fenomeni che accadono e spiegarli con il linguaggio della matematica, che è il linguaggio con cui parla l'universo, anzi, secondo alcuni, che "è fatto" l'universo stesso. In queste equazioni non solo si spiega come vanno le cose ma come tali cose si trasformano, come evolvono e come saranno. Esse, cioè, hanno anche il potere predittivo. E sono anche democratiche, modeste, quasi umili nel loro aspettare che qualche nuovo fenomeno sia in contrasto con esse. In questo caso, ricomincia la giostra nel trovarne di nuove, a cui corrisponda un sem

11

plice aggiustamento di paradigma o, spesso, una rivoluzione. La scienza è questo. la scienza dovrebbe essere questo. Dovrebbe cioè semplificare, facendo un lavoro incessante e certosino sfrondando l'ingannevole apparenza dai dettagli superflui e spesso fuorvianti per pervenire ad un quadro semplice ed anche bello esteticamente. A destra, invece, vediamo

14

come, invece, applicando in modo rigoroso le regole della matematica, otteniamo il banale risultato 1+2=3 attraverso un processo lungo, tortuoso, un autentico incubo. Il questo caso si compie un atto di sofistica disonestà: lo sfoggio di bravura, che diventa uno scudo, anzi, meglio, un piedistallo su cui mettersi per dimostrare la propria superiorità intellettuale.

Gli ultimi 30 anni della fisica sono stati segnati dall'avvento della teoria delle stringhe. Non voglio dilungarmi sulla sua descrizione e sui suoi risultati, ma, secondo molti addetti ai lavori, ha costituito un grosso problema per lo sviluppo di tutta la fisica, sia per motivi ontologici che organizzativi(cfr Lee Smolin, nel suo libro A Trouble with Physics (2006)) e questo articolo. Ormai si parla di crisi di questa teoria, che è ritenuta "too big to fail", avendo impegnato risorse umane ed economiche enormi. Ma le sue implicazioni (supersimmetria, le scale di Planck) tardano a venire, del resto è poco fisico avere una teoria non verificabile.

TOO BIG TO FAIL. L'avete già sentito da qualche parte? Assomiglia al mantra del turbocapitalismo finanziario, così come al fallimento di grandi nazioni per il loro debito pubblico. La scienza, cioè, come la politica, la finanza, sono cose umane e dipendono dai rapporti di forze. Ancora un gioco di parole, forze, che si presta a molte imterpretazioni ed Einstein dedicò la sua vita a smantellarne l'ambiguità semantica. Così come in quella figura per arrivare al risultato banale 2+1=3 impiego un'orgia di formule, così come la teoria delle stringhe impiega uno spazio a 10 dimensioni per esplicarsi in una matematica bella ed impossibile, la politica attuale nasconde  sua proterva inanità dietro un muro fatto di ineluttabile necessarietà. Così come i fisici stringhisti non hanno ancora fatto mente locale al probabile fallimento di una vita sprecata a raggiungere un santo graal che si allontana sempre di più, e questo costa moltissimo in termini anche psicologici, ma anche di potere acquisito, anche il turbocapitalismo attuale non crollerà sua sponte, mancando, un modello alternativo coerente, forte e credibile.

A latere, come una sorta di fattore di scala autosimilare: sono coinvolto in fatti politici locali ed anche di più e  le nostre riunioni sono  fatte da stringhisti: adorano rendere compesse cose semplici, illudendosi che parlare un'ora di acqua calda in modo sapiente e documentato sia un atto di esistenza.

Print Friendly, PDF & Email

Oggi 29 luglio 2017. Politica

Riporto un post di Lanfranco Turci:

"SU COSA CI GIOCHIAMO LA CAMPAGNA ELETTORALE?

Per fortuna nostra per il grosso degli elettori le cose che contano non sono i fini programmi elaborati con le necessarie competenze tecniche, il calcolo di fattibilità , la coerenza di insieme, le variabili internazionali ed europee che li condizionano etc...Tutte queste cose sono necessarie e un partito vero dovrebbe già averle nel proprio bagaglio o almeno attrezzarsi rapidamente per dotarsene. E dovrebbe per questo avere già sciolto, ad esempio, il tema del rapporto che si propone di intrattenere con i vincoli e le politiche europee.
Ma abbiamo già capito che sia noi che Mdp siamo impreparati su questo terreno, abbiamo molte idee, ma confuse e spesso incerte. Non parliamo poi di ciò che sta a monte del programma. E cioè la cultura politica, la visione del mondo, la collocazione nel conflitto sociale, l'idea di partito.Dunque le due principali forze della sinistra arrivano alle elezioni in condizioni, diciamo, non ottimali. Speriamo almeno di arrivarci uniti!

Ma, come detto in premessa, in campagna elettorale non sono queste le cose cui guarda un elettorato svogliato e disincantato, quando non apertamente ostile allo stesso impegno elettorale.
L'orientamento quell'elettorato se lo forma su alcuni macrocampi che si formano nel dibattito e nella vita corrente di tutti i giorni.
L'immigrazione è uno di questi e sulla paura che questa determina si stanno già posizionando in concorrenza i tre principali poli: la destra, i 5stelle e il Pd. Per la sinistra questo è un campo in cui cercare solo di limitare i danni.
La riduzione delle tasse, classico tema berlusconiano, sta ora impegnando anche fortemente Renzi e il Pd.
L'antipolitica è il campo in cui si scontrano all'arma bianca Renzi e Grillo, con probabile maggior fortuna per quest'ultimo.
Il grande campo che i media cercano di non fare emergere è quello del lavoro, della disoccupazione, della precarietà, dei salari, delle condizioni di perdita totale dei diritti, del degrado dello stato sociale.
Questo è il campo vuoto, che noi dovremmo occupare non solo perchè gli altri ci sono preclusi, ma anche perchè è su questo che possiamo recuperare una nostra identità e prima ancora una nostra visibilità. Il lavoro si tira dietro il tema dello sviluppo di un paese che va a pezzi e a fuoco, delle scelte di politica economica, degli indirizzi degli investimenti, della capacità di intervento dello Stato.Proviamo a buttarci dentro a corpo morto in questo campo, lasciando perdere il politichese di queste settimane. Il caso dei cantieri navali di Saint Nazaire, i temi che oggi ci mettono in conflitto con Macron, possono essere girati in funzione delle scelte del nostro paese, molto più di tutte le chiacchiere su Pisapia o della fabulistica sul nuovo centro sinistra."

Condivido questa impostazione. Facendo un paragone calcistico, dobbiamo lavorare come se avessimo la difesa della Juve e l'attaco del Napoli. Sui temi che si fondano sull'analfabetismo funzionale coniugato con  la valanga espositiva dei mass media che tromboneggiano il populismo, difendersi ad oltranza facendo anche falli tattici, lavorando sporco, alla Bonucci, Chiellini (mi ricordo di Stilike!). Sui temi più propriamente etico-viscerali, come la xenofobia, i vaccini, la protezione dal rumeno che rapina, troppo tempo e fatica occorre perdere. Siamo perdenti e non basta, è inutile, la testimonianza pure accorata e dotta. La tattica è assecondare, colpire duro, melinare e mandare palla in tribuna quando serve.

Tutto il resto è l'attacco fantasioso ed asfissiante, corroborato da un centrocampo che collabora attivamente. Il lavoro, la qualità della vita, l'idea di uno stato nazionale che difende il suo ruolo internazionale perchè difende le sue vittime della globalizzazione e di una sciagurata Europa neoliberista. Questi sono il goal che dobbiamo fare.

Non parlare più di amebe come Pisapia ed altri arnesi più o meno scoppiati. Disprezzarli e deriderli al di là di ogni villania. Distruggere il politically correct, che serve solo a marginalizzare.

Insomma, adottiamo un approccio creativo ribaltando le tecniche ormai imperanti della comunicazione embedded, senza aplomb e perbenismo da quattro soldi.

 

Print Friendly, PDF & Email

Come la vedo io

La situazione attuale in cui sono calato, dal punto di vista politico, è molto strana.

Ho partecipato con interesse ed entusiasmo all'iniziativa del Brancaccio, ho avuto modo di conoscere meglio la Falcone avendo fatto una decina di fermate in metro con lei. Il progetto è interessante, di più, è l'unico logicamente concepibile, dato che mette al centro il concetto di stare assieme per qualcosa, per mandare avanti un programma condiviso.

Ho anche partecipato, dato che ho, come tutti noi, molti amici e compagni nel pd e in art1, ad alcune loro iniziative.

Ora come ora sto cercando di dare una mano a SI, in cui ho anche delle cariche. A Napoli. SI a Napoli è sostanzialmente, la fusione fredda tra tre componenti che stanno cercando di trovare un modus operandi comune, tra non banali difficoltà. Io faccio, geneticamente ormai, parte della minoranza. Ho osservato pure cosa sta avvenendo in art1, dove, grosso modo le dinamiche sono le stesse. Più omogenea mi sembra la situazione in Rifondazione. Per Dema vedo il travaglio tra posizioni molto deverse, frutto della composizione politico-elettorale che ha comunque consentito la vittoria alle elezioni amministrative. Ma, devo dire, Gigino si sta dimostrando un leader, come la si mette la si mette. Per Pisapia so quello che vedo e leggo: un progetto che cerca di minare qualunque ipotesi di unità a sinistra, nel nome di usa sostanziale continuità col passato affermando che sia possibile migliorare la politica stando dentro alle dinamiche ed ai soggetti che l'hanno stuprata.

La questione sul tappeto, dopo il Brancaccio ed il 1 Luglio, è quella del soggetto politico unico, con tutte le premesse del caso: piattaforma politica di sinistra condivisa e la teologica necessità che parta "dal basso". Inutile sottolineare che queste sono premesse basiche, fondamentali, imprescindibili.

Ma come si relizza tutto ciò?

Quello che noto, magari mi sbaglio, che siamo tutti un esercito senza truppe. Anche il caso di Dema, mi vien da dire, anche se migliore, è un sintomo. La gente o non sa che esistiamo o non ci crede. Le nostre manifestazioni, riunioni, iniziative, sono formate da una compagnia di giro che balla la mazurca da ormai 40-50 anni, sempre gli stessi, sempre più incanutiti e peggiorati dagli acciacchi. Sono abbastanza settario dal sapere che la linea politica di SI sia la migliore ma è la sua esplicitazione territoriale che mi dà preoccupazione, sapendo che tale preoccupazione è anche quella di altri partiti ed organizzazioni.

Siamo cioè, uno strano mix in cui dirigenti, quadri e militanti coincidono, finendo per non far bene nessuno dei tre mestieri. Io, ormai, non so bene come comportarmi, in una schizofrenia multilivello. la mancanza di corpi intermedi, malattia della nostra società, si riverbera anche dentro ai nostri partiti, generando una sola cosa possibile: l'inconscia impotenza, la sensazione della inutile marginalità.

Come se ne può uscire?

E' come quando stai a casa depresso e senza voglia di far niente: esci, vai per strada anche se ti scoccia, come si dice dalle mie parti "và a tuccà e femmene!"  Qualcosa troverai, meglio uno schiaffone che l'indifferenza.

Naturalmente sarei felice se domani avessi dietro di me il mio quartiere pronto a fare le barricate, ma nessuno mi/ci pensa. Questo senso di marginalità si acuisce ancora di più quando noto che poi "li fuori" qualcosa, anzi molto, c'è: movimenti, associazioni, gruppi che lottano su qualcosa, ma di cui avverto l'ineludibile necessità che esista un livello superiore di organizzazione e centralizzaione delle loro istanze, talvolta collidenti.

Senza che aspettiamo il miracolo, la palingenesi, io propongo semplicemente una cosa a breve termine: appellandomi alla compagnia di giro (a Napoli saremmo qualcosa di 2000-3000 persone), spalmeti tra SI, PRC, DEMA, ART1 e cani sciolti ormai spellati, mettiamoci assieme comunque, su quattro-cinque punti e pratichiamo non solo politica ma vicinanza vera assieme, non dimenticandoci del passato, ma fottendocene. Faremmo una massa crittica superiore, o meglio, ci divertiremmo molto di più perchè meno infelici ed inutili.

Print Friendly, PDF & Email

Search