Blog

Blog

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ISIS: ABBIAMO PROVATO A FARE UN ATTENTATO IN ITALIA MA E' STATO IMPOSSIBILE ... ECCO COM'E' ANDATA: 21 novembre · Tutti L’Italia è al sicuro da attacchi terroristici. L’ISIS ha dichiarato: “E’ molto difficile fare un attentato in Italia” In realtà alcuni documenti del SISDE rivelati recentemente affermano che quelli dell’ISIS ci hanno provato, tempo fa organizzarono un attentato aereo in Italia.

Due terroristi, provenienti da un Paese del Medio Oriente, arrivarono a Napoli con la ferma determinazione di eseguire il “castigo di Allah” per gli infedeli italiani”.
Ecco com’é andata: Domenica, ore 23.47 Arrivano all’aeroporto internazionale di Napoli, via aerea dalla Turchia; escono dall’aeroporto dopo otto ore perché gli hanno perso le valige. La società di gestione dell’aeroporto non si assume la responsabilità della perdita e un’impiegato consiglia ai terroristi di provare a ripassare il giorno dopo: “chissà, con un pò di fortuna…” Prendono il taxi: il taxista (abusivo) li guarda dallo specchietto retrovisore e, vedendo che sono stranieri, li passeggia per tutta la città per un’ora e mezza. Dal momento che non proferiscono lamentela, neanche dopo che il tassametro raggiunge i 200 Euro, decide di fare il colpo gobbo: arrivato alla rotonda di Villaricca, si ferma e fa salire un complice. Dopo averli derubati e ricoperti di mazzate li abbandonano esamini al Rione 167. Lunedì, ore 4.30 Al risveglio, dopo la mazziata, ambedue i terroristi riescono a raggiungere l’albergo sito in zona piazza Borsa. Decidono quindi di affittare un’auto presso la Hertz di piazza Municipio. Quindi si avviano in direzione aeroporto, ma giusto prima di arrivare a piazza Mazzini, rimangono bloccati da una manifestazione di studenti uniti alle tute bianche anti-global e ai disoccupati napoletani che non li lasciano passare. Lunedì, ore 12.30 Arrivano finalmente in piazza Garibaldi, decidono di cambiare dei soldi per muoversi più liberamente: i loro dollari vengono cambiati in biglietti da 100 Euro falsi. Lunedì, ore 15.45 Arrivano all’aeroporto di Capodichino con la ferma intenzione di dirottare un aereo per farlo cadere sulle torri dell’Enel del centro direzionale. I piloti Alitalia sono in sciopero perché chiedono la quadruplicazione del salario e vogliono lavorare meno ore. Stessa cosa per i controllori di volo che pretendono anche la pinza obliteratrice per tutti (“altrimenti che controllori saremmo” hanno dichiarato). L’unico aereo disponibile che c’é in pista è uno della RyanAir con destinazione Alghero e a 18 ore di ritardo… gli impiegati ed i passeggeri sono accampati nelle sale d’attesa, intonano canti popolari, gridano slogan contro il governo e i piloti! Arrivano i celerini, cominciano a dare manganellate a destra e a manca, contro tutti, si accaniscono in particolar modo sui due arabi. Lunedì, ore 19.05 Finalmente si calmano un pò gli animi. I due figli di Allah, coperti di sangue, si avvicinano al banco della RyanAir per acquistare i biglietti per l’aereo con destinazione Sassari, dirottarlo e farlo schiantare contro la torre Enel. Il responsabile della RyanAir che gli vende i biglietti tace il fatto che il volo, in realtà, è già stato cancellato. Lunedì, ore 22.07 A questo punto i terroristi discutono se continuare oppure no… non sanno più se distruggere Napoli è un atto terroristico o un’opera di carità. Lunedì, ore 23.30 Morti di fame decidono di mangiare qualcosa al ristorante dell’aeroporto: ordinano panino con la frittata e impepata di cozze. Martedì, ore 4.35 In preda a una salmonellosi fulminante causata dalla frittata finiscono all’ospedale Cardarelli, dopo aver aspettato tutta la notte nel corridoio del pronto soccorso. La cosa non sarebbe durata più di due giorni se nel frattempo non fosse subentrato un sospetto di colera dovuto alle cozze. Successivamente, a causa di un banale scambio di cartelle cliniche ad uno dei terroristi viene asportato un rene sano, all’altro viene applicato un doppio pacemaker di fabbricazione cinese acquistato sul mercato nero. Domenica, 17.20 Dopo dodici giorni escono dall’ospedale e si trovano nelle vicinanze dello stadio San Paolo. Il Napoli ha perso in casa con il neopromosso Palermo per 3-0, con due rigori assegnati alla squadra siciliana dall’arbitro Concettino Riina da Corleone. Una banda di ultrà della “Masseria Cardone”, vedendo i due scuri di carnagione, li scambiano per tifosi del Palermo e gli rifilano un’altra caterva di legnate. Per di più il capo degli ultrà, un tale detto “Peppo o Ricchione”, abusa sessualmente di loro. Domenica, 19.45 Finalmente gli ultrà se ne vanno. I due terroristi decidono di ubriacarsi per la prima volta nella loro vita (anche se è peccato!). In una bettola della zona portuale gli rifilano del vino adulterato con metanolo e i due rientrano al Caldarelli per l’intossicazione. Gli viene anche riscontrata la sieropositività all’HIV (Peppo non perdona). Martedì, 23.42 I due terroristi fuggono dall’Italia in zattera in direzione Libia, semiorbi per il metanolo ingerito e con una dozzina di infezioni a causa del virus HIV. Giurano ad Allah che non tenteranno mai più nulla contro il paese italiano. Manca una cosa: Mentre sono in mare per tornare in Libia vengono intercettati da una motovedetta italiana e "salvati" riportati in Italia vengono ospitati in trasmissione da Barbara D'Urso e in diretta si suicidano per la disperazione.

0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Umberto scrive:

"Penso a quei poveri giovani disgraziati che hanno deciso di uccidere i loro simili a caso, crudelmente, senza pietà. Per odio, per ignoranza. Penso che dovremmo avere noi pietà di loro, della loro decisione di abbandonare ogni misericordia, di non vedere più le altre vite, di non riconoscerle, di buttare in un attimo in un abisso la loro umanità, ogni speranza di vita, di amore, di futuro. Gli assassinati sono innocenti, poveretti, ma i loro disgraziati assassini sono ancora più degni di compassione. Che il loro dio li perdoni. Ma cosa hanno fatto? In nome di quale dio hanno sparso tutto questo sangue innocente? Sono uomini, come noi... questo dovrebbe farci paura... Penso a "Uomini e no" di Elio Vittorini, ai nazisti, alla tentazione di bollarli come delle "belve", dei "mostri". Ma possiamo escluderli dall'umanità? Possiamo noi diventare belve, in nome di un'altra "giustizia"? L'umanità è universale, o non è. Dunque, anche noi abbiamo dentro questo assassinio. Pensiamo alle loro povere anime, corrose dal cancro di una morbosa Verità. Preghiamo per gli assassini."

0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dopo quanto successo a Parigi, sono tentato anch'io a dire la mia, in questo immenso dibattito che ovunque si è generato.

Dunque, se analizzo il mondo in cui siamo tutti calati, osservo che è un sistema ormai entropico molto lontano dall'equilibrio ed ad altissimo disordine. E come la teoria dei sistemi complessi insegna, sono possibili "collassi entropici locali", cioè possono insorgere zone in cui è riconoscibile la struttura, in cui c'è un ordine riconoscibile. Tale ordine può essere universalmente condiviso oppure riconisciuto tale solo in prossimità di esso.

In parole povere l'insorgenza di fenomeni terroristici è nella struttura stessa del sistema, un suo dato strutturale. Ed esistono parti di tale sistema che lo riconoscono come positivo e come dire, "obbligato". Tale riconoscimento non è frutto della mera contingenza, ma si basa pure sulla storia, sull'antichità di problemi ed anche ideologie, credi religiosi consolidati. Quindi di molto complessa analisi e di ambigua estirpazione. Ambigua perchè si misura con altri credi, usanze e storie che non è affatto semplice definire come migliori, stabilendo gerarchie di primati o di valori. Ma diamo per scontato che quanto abbiamo realizzato nel mondo occidentale sia migliore. A questo punto vediamo come sia possibile, in linea di principio, venirne fuori.

Agire su un sistema vuol dire analizzarne, e proporre soluzioni ed interventi, in due aspetti del comportamento di un sistema, il transitorio ed il regime. E vedo che dovunque, sui giornali, parlando con la gente, in televisione e sui social network, si commettono sempre gli stessi errori, spesso voluti e consapevoli. Si confonde la fase transitoria con quella a regime del comportamento dinamico del sistema. Il sistema è quello globale, il nostro mondo attuale, sia chiaro.

Nel caso di Parigi, si può dire che il transitorio sia il dato di cronaca: morti, sparatorie, sangue, urla, la sofferenza resa purtroppo orrendo spettacolo massmediologico, a cui corrisponde la disumana crudeltà di  individui che non esitano ad uccidere ed uccidersi in nome di un Dio.  Ed è corretto, in questi casi affrontare il problema con tecniche transitorie, "ad hoc". Blindarsi, rinunciare momentaneamente alle caratteristiche di uno stato di diritto, stanare i fetenti. Ricorrere a metodi di intelligence più o meno leciti eccetera.

Ma ovviamente non basta assolutamente: sono espedienti tattici che possono avere risultati decenti sul breve termine, ma sul medio/ periodo possono addirittura avere risultati controproducenti. 

E' quindi indispensabile affrontare il problema del lungo termine (andamento a regime). E qui si scoperchia il vaso di Pandora delle politiche che l'occidente, da ormai mille anni, fa nei confronti dell'oriente, ma dire anche dell'Africa, di tutti i luoghi cioè non occidentali. Politiche che hanno componenti religiose (affermazione del proprio Dio), etiche (il laicismo, la tolleranza, "la rivoluzione francese" eccetera), economiche(fonti energetiche, droga, materie prime), politiche in senso stretto(strategie di controllo e dominio degli scacchieri geografici). E qui c'è lo sgomento di notare come tali interventi non possono se non portare a fenomeni come il terrorismo, guerre locali, morti per fame o malattie, un immenso desiderio di rivolta e di odio verso noi occidentali.

Postilla ovvia: il terrorismo stesso viene utilizzato come strumento di dominio, solo che gode di una strana proprietà: si rivolta contro i suoi creatori, in un feedback distruttivo.

Mi sembra di ritenere, quindi, che una possibile soluzione sia quella di aggredire l'andamento a regime, cosa molto molto ardua giacchè presuppone un ribaltamento di quanto elaborato e fatto dall'occidente dalla caduta dell'impero romano, come minimo. 

Qua mi fermo, per il momento.

0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Una banale foto con me che reggo un contenitore da 1,5 litri di latte, aiutandomi con un foglio di carta. Tutto qui? La carta è sufficientemente forte da sostenere anche più di un contenitore di latte! Contro cosa sta lottando questo foglio di carta? Contro la forza di gravità, che amerebbe far cadere il latte a terra, con tragica reazione da parte di mia moglie, che vedrebbe inondato il pavimento della cucina da un oceano biancastro. La carta sta lottando contro la forza di gravità generata dal pianeta terra, una sfera solida di 6000 km di raggio. Un semplice foglio di neanche 0,1 m2 che ha la meglio di una sfera di 452*1012 m2. Davide contro Golia. Come fa?

Osserviamo al microscopio la zona di contatto tra lo scatolo ed il foglio. Dovremmo vedere qualcosa come questo. In nero lo strato linite del contenitore. in rosso quello della carta. In realtà non si toccano neppure, distano qualche milionesimo di millimetro, separati dalle forze elettromagnetiche ed anche quantistiche. Tali forze fanno si che la scatola ed il foglio non entrino l'uno nell'altro. Infatti le

IMG 20151113 112747 1 Small

 molecole della scatola e del foglio, ed è vero per qualsiasi molecola ed atomo, sono praticamente fatte di nulla. La materia in esse occupa una frazione trascurabile dello spazio totale. Il resto è vuoto. Ma i campi elettrici e quantistici rendono tali molecole impenetrabili. Possiamo quindi affermare che l'intensità del campo elettromagnetico è gargantuescamente più intensa di quella gravitazionale, 1036 volte, cioè 1000000000000000000000000000000000000 più forte! Come mai?

I fisici chiamano questo problema "problema della gerarchia". E vedremo successivamente quali sono le teorie per spiegare tale stranissima diversitàmolecole

Tags:
0
0
0
s2sdefault

Portale di Fisica

23 Gennaio 2016
22 Gennaio 2016
01 Gennaio 2016
01 Dicembre 2015
20 Novembre 2015
11 Novembre 2015
10 Novembre 2015
08 Novembre 2015
05 Novembre 2015
04 Novembre 2015
03 Novembre 2015
02 Novembre 2015
21 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
13 Ottobre 2015
07 Ottobre 2015
04 Ottobre 2015
03 Ottobre 2015
18 Settembre 2015
17 Settembre 2015

Su me

Parlo di fisica, musica, viaggi di vario tipo.

Un posto dove sbariare, insomma.

On Line

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

Where

100%Italy Italy

Total: 2
© 2015 Il sito di giamod. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Search