Dualità

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Continua la mia paranoia fisico-politica.Dopo aver visto come il bosone di Higgs è legato fortemente ai processi di globalizzazione, adesso parliamo del concetto di dualità, molto utile, anzi fecondo nei processi di conoscenza del mondo,non solo fisico.E' mestiere dei chi fa scienza elaborare modelli, necessari per spiegare in modo quantitativo i fenomeni per prevederne l'evoluzione nel tempo. Sovente tali modelli sono molto belli (Einstein ci teneva a tale bellezza)altre volte sono invece astrusi, molto complessi e per niente intuitivi, ma al contempo estremamente predittivi.

Ora accade che una stessa classe di fenomeni venga elaborato un particolare modello matematico (equazioni, teoremi ecc.) ma che ha il grosso difetto di essere bello ma impossibile, cioè per fenomeni semplici si può applicare, ma diventa un incubo man mano che vogliamo applicarlo a sistemi via via più complessi.La relatività generale di Einstein è un caso tipico. Meravigliosa teoria ma incubo nella sua applicazione a sistemi un pò meno che semplici.Allora che succede?Nel  campo della dinamica dei sistemi di qualunque tipo (classici, quantistici, economico-sociali) sono stati trovati modelli formali molto più facili da studiare e da "calcolare", con meno variabili, meno dimensioni ma che spiegano altrettanto bene i fenomeni.Lo svantaggio solo apparente, è che parlano di grandezze strane ed astratte, ma che lo scienziato capisce.Ad esempio non hai tensioni o correnti che cambiano nel tempo, ma fasori nel piano complesso (vomito!). Cioè si piglia il fenomeno, lo si proietta nel nuovo spazio, si fanno tutti i conti, poi si ritorna nella realtà di tutti i giorni ad applicare i risultati.I modelli siffatti si chiamano "duali". Senza dualità oggi non ci sarebbe progresso scientifico.Tutto questo paraustiello per dire cosa?Un modello per studiare la nostra società potrebbe essere quello classico di scuola marxiana: struttura del capitalismo, aggiornata ai tempi nostri,analisi delle classi e delle dinamiche sociali, contestualizzazione ai diversi ambiti locali, ecc.Bordello. Solo bordello. Bravo chi attualmente riesce ad avere un quadro appena decente non solo di come è fatto il nostro mondo attuale, ma ancora più bravo chi ha la ricetta giusta per migliorarlo (ogni modello, ripeto, non analizza solo l'esistente, ma deve prevedere il futuro, altrimenti è solo masturbatorio!). Lo si vede in modo plateale nei miliardi di post di facebook e nei trilioni di dibattiti televisivi. Fatica sprecata, inutile, dannosa addirittura. Perchè non applicare un modello duale?Io ne ho uno da proporre: il calcio.Parliamo di calcio, dibattiamo di squadre, allenatori, tattiche e strategie. Cosi come siamo tutti esperti di politica, siamo tutti direttori tecnici (dualità politica-pallone). Si sa che vincerà o la Juve o l'Inter ma mai l'Udinese o il Napoli (dualità vincitore delle elezioni-scudetto). E poi il nuovo leader: Monti, Bersani, Renzi,Grillo. Pensiamo ad Asamoah, Cavani, Pirlo, Buffon: è più semplice e la dualità ci porterà a capire meglio come vanno le cose.Adesso devo cucinare, continua alla prossima.

0
0
0
s2sdefault
© 2015 Il sito di giamod. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Search