Blog

Blog

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ambigua immagine

Cari Compagni, senza asterischi,chiocciole o perifrasi, volglio parlarvi di ambiguità,credibilità,senso comune e sentimenti. Lungi da me qualunque dotta analisi di fase, di dotte citazioni o di riferimenti a questo e a quello. Parlo di me. Sono il primo che ha fatto della sua vita un palcoscenico in cui potevo sfoggiare la mia ambiguità, spesso spacciata per altro,  forse a causa della mia capacità dialettica o della superficialità degli interlocutori. Talvolta però era ben compresa, ma lasciavo perdere per motivi statistici. Gli abitanti del pianeta sono tanti. 

L'ambiguità è una caratteristica tipica del linguaggio umano ed è un fenomeno molto complesso. Partendo dalla scrittura, essa è intrinsecamente ambigua. ogni cosa che scriviamo può essere intesa in modi differenti ed è per questo che abbiamo disperatamente cercato mezzi per ridurne o addirittura azzerarne le sue imprecisioni. Abbiamo inventato linguaggi formali, la logica, abbiamo fatto congressi di matematica, i matematici sono impazziti per questo, sancendo l'impossibilità teorica di essere non ambigui. Poi c'è la rappresentazione orale della comunicazione, in cui oltre alle parole dette, che ricadono grosso modo nel caso precedente, c'è il linguaggio del corpo che arrichisce il contenuto del messaggio. Ciò che si sta dicendo è un tuttuno col modo in cui lo si sta dicendo. L'ascoltatore ne fa, consciamente o meno, una sintesi, un "integrale". Qui è necessario fare una distinzione: se conosciamo o meno l'interlocutore. Ma anche il conoscere non è oggettivo, dipende da come l'ascoltatore ha realizzato la sua gabbia mentale di parametri conoscitivi. Faccio un esempio partendo dai miei interessi. Ascoltare una conferenza di un fisico famoso. Se non lo conosci, vedrai spesso una persona trasandata, con i sandali ed una maglietta non stirata dire cose complicate con un'aria ultra shick. Perserai che quello che dice non necessita di giacca e cravatta, dato che l'eleganza sta in quello che dice che corrisponde a quello che fa. Ecco, lui le cose che dice le ha fatte ed usa un linguaggio adatto, mutuato dalla logica matematica. E' credibile in senso stretto ma non è scevro da ambiguità, cerca solo di minimizzarla o di renderla esplicità. E', insomma onesto. Vedi in lui un uomo che non cerca di fotterti, in quanto il fotterti sarebbe controproducente anche per lui. Con i politici il discorso cambia. Quello che dicono, scrivono o fanno fa parte di un continuum spazio temporale. Sono punti di un tracciato. La loro credibilità sta nell'integrale generale che somma, riassume la loro storia nel tempo. Non basta aver detto l'ultima cosa giusta. Per noi che ascoltiamo ora un politico non ha senso dire ha ragione o torto ora, o meglio, dirlo vuol dire usare strumenti non politici, usare il sentimento o "la pancia". Se non si ha conoscenza del politico in questione, o, che è lo stesso, non si ha memoria sel suo integrale, la sommatoria dei giudizi di pancia porta a comportamenti irrazionali, storicamenti prodromi di avventure reazionarie e fasciste. 

I recenti fatti come il successo delle sardine o il voto inglese sono, secondo me, sintomi dell'ambiguità. La politica italiana, ma in realtà la politica mondiale, sta vivendo una crisi semantica, di significati. Per troppo tempo ha detto cose pensandone altre, rappresentata da persone plasticamente non credibili in quando ambiguamente non credibili. Nel migliore dei casi, ma che dico, nel peggiore dei casi si finge di credergli in quanto è l'interlocutore che ha interesse a farlo, essendo esso stesso ambiguo. Il fenomeno del salvinismo è questo ma, per un osservatore attento appare per quello che è: un mentitore seriale che conosce i suoi clienti e si presenta per quello che è. Ma sono, paradossalmente, gli altri che mi inquietano di più.

Sono quelli che si sono sempre professati progressisti, antifascisti, insomma di sinistra. Sono quelli del tutt*, del compagni e compagne, sempre educati, attenti a non offendere. Sono quelli che fanno lunghi post, lunghi discorsi in cui cercano di dimostrarti quanto poco abbiamo capito del presente, ma con educazione. Li vedi sempre li, sempre capaci di sopravvivere a tutt*, a cui non importa minimamente di essere importanti. Per loro è essenziale essere visibili, in qualsiasi modo, e lo fanno sfruttando al massimo la loro ambiguità. Non affrontano mai argomenti divisivi ma fanno surf usando la dialettica e la retorica. Si guardano bene dall'affrontare le radici profonde delle esposive condizioni reali del nostro presente, che li porterebbe alla loro estinzione. Sopravvivenza, pura sopravvivenza. Che è mascherata da cosmopolitismo, diritti civili, navi da difendere. Questo istinto primordiale, prepolitico, ancestrale, viene percepito da tutti gli umani, senzienti o meno, acculturati o meno. E sono odiati. ma a loro non interessa, riuscendo a garantirsi sempre uno zoccolo duro di seguaci che diventano complici consapevoli. Ci chiediamo perchè noi portatori del Credo, della Verità siamo insignificanti? Perchè, qualunque cosa diciamo e facciamo è senza significato, valore e credibilità o meglio, sono vere per chi sta bene. Il bello è che lo sappiamo, ma non ce ne fotte proprio nulla.

Deve crollare la nostra scena, il nostro fondale, in nostro teatro.

 

Tags: ,
0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

sardine 2

Perché il movimento delle sardine ha ragione di esistere.

" le masse dicono allo spazio come deformarsi, lo spazio dice alle masse come muoversi" e, dico io, in una giostra incessante. Questo è, in sintesi, l'essenza della relatività generale. Una implicazione immediata è  che non esiste differenza tra chi sta davanti e chi sta dietro, tra chi sta sul palcoscenico e chi dietro le quinte . Gli attori dell'esistenza non recitano su un fondale dato, perché, semplicemente, il fondale interagisce con la recita, ne è parte integrante. Se gli attori recitano supponendo che il fondale sia fisso ed immutabile, sarà una commedia brutta e, fondamentalmente assurda. Come assurdo è non coinvolgere gli spettatori, organicamente facenti parte della rappresentazione.

Pensavo a questo, arrovellandomi su questo nuovo movimento che solleva dubbi, spiazzamenti e critiche più o meno forti da parte di molti . Molti che si richiamano a valori di ogni direzione, destra, centro e sinistra. Questi ultimi sono molto interessanti, in quanto vertono sulla presunta totale mancanza, delle sardine, di piattaforma politica. Criticano il loro decalogo privo dell'abc dl marxismo-leninismo, del loro trasversalismo qualunquista, del fantasma consunto del meme ' né di destra, né di sinistra'.

Ma trascurano un fatto, che citavo all'inizio. Il palcoscenico. Stiamo recitando su un fondale progettato da altri, distonico ,in cui gli attori, bravi quanto si vuole, con un copione ben fatto, alla fine non riescono a raggiungere il pubblico, che guarda la commedia distratto e poi annoiato. E, che, prima della fine dello show, lascia il teatro. Questa mi sembra una buona metafora, per me, per noi che ci sentiamo di sinistra. Ecco, sentirsi. Abbiamo trascurato il collegamento tra sentimento e realtà. La nostra recita si svolge su un palcoscenico dato, dato da chi ha vinto finora la sfida, quelli dell'altra sponda. Recitiamo stancamente per noi stessi, per un teatro vuoto, i cui spettatori scappati via non hanno più empatia per questi guitti senza passione.  Il deserto dei sentimenti. Esso fa perdere la passione, l'immedesimazione, il rispetto, in una parola la credibilità. Facce stanche e livorose, cariche però di saccente presunzione, portatrici di una verità solo recitata ed anche male.

Tale patologia, perché di patologia si tratta, viene da molto lontano, risalendo alla nostra storia, storia dell' Italia, dove non abbiamo mai fatto i conti fino in fondo con i nostri demoni personali e collettivi, sempre seppelliti in una discarica di buon senso e vivi e lascia vivere. Ci è bastato fare slalom tra ciò che il palcoscenico ci offriva e, forti della nostra preparazione, duttilità e cazzimma, ci siamo posizionati cercando di minimizzare la nostra angoscia.

Le sardine vogliono rompere questa staticità. Ci stanno dicendo che è indispensabile distruggere non solo il palcoscenico, ma anche il teatro.

 

 

Tags:
0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pianeta terra

 

 1. la crisi delle visioni del mondo.

Inutile, forse, ripetere che il pensiero di sinistra, ha avuto negli ultimi 50 anni una profonda crisi di identità. Specialmente dopo il crollo dei socialismi reali, in cui oggettivamente si copiavano anche maldestramente,modelli produttivi capitalistici, ma senza il senso di libertà e con l'accerchiamento politico che li strozzava. Specialmente dopo l'esplosione anche tecnologica della globalizzazione, che ha reso planetari i problemi di eguaglianza, qualità della vita e dei diritti individuali. La sinistra, cioè, deve porsi il grande problema che la sua visione del mondo non è solo locale,ma ancorata a problemi planetari, in cui sono intimamente connessi problemi antropici e problemi ambientali. Il lavoro, cardine e mantra del marxismo, deve essere riconfigurato tenendo presente che potrebbe ormai essere un pericolo per l'umanità, non la sua salvezza. naturalmente parlo del lavoro nella sua accezione standard, ottocentesca, fare qualcosa, farlo per qualcuno, partendo dalle materie prime a cui si dà valore di mercato. Ed è del tutto vero che il dibattito ecologico sia stato fatto proprio da movimenti apolitici, non poteva essere diverso, non essendo la sinistra capace di levarsi gli scheletri dall'armadio.

2. Socialdemocrazia.

Legato al punto 1. L'incapacità di analisi scientifica e forse anche il coraggio di osare, hanno portato la sinistra ad abbracciare politicamente, economicamente ed anche eticamente il sistema di mercato liberista e capitalista, nella speranza, che si è rivelata pia illusione, che si postesse mitigare, addolcire, moderare la spinta intrinsecamente distruttiva che il capitalismo ha in sè. Che è ormai distruzione non solo dell'uomo, ma del pianeta intero. Ma c'è da dire, oggettivamente, che le spinte antropiche, la presenza sulla terra dell'homo sapiens, sono esse stesse prepolitiche: è la presenza nostra che intrinsecamente impatta sulla natura che ci ospita e che ci fa vivere. Questo è il problema dei problemi, che forse e dico forse, è stata una delle cause inconsce dell'abbandono di una visione rigidamente ortodossa. In ogni caso, la pretesa che si possa cambiare l'accumulazione capitalistica è stata ed è la tragedia dei nostri tempi.

3. Il lavoro.

Come ho detto talvolta in altre sedi, il lavoro è la parola da cambiare. Le parole sono azioni. Molto meglio parlare di qualità dell'esistenza. La faccio breve. ormai il meccanismo lavoro qualunque sia, stipendio, casa, automobile, famiglia, vita decente sono incompatibili con la nostra sopravvivenza.E' uno schema impattante sul mondo intero. Oltretutto di lavoro tradizionale ce ne sarà sempre meno, sostituito da macchine automatiche e da intelligenze artificiali. Il redditto o meglio le condizioni per l'esitenza, dovrà trovare altri e migliori canali a grande valore aggiunto e scarso consumo di risorse naturali. Il caso limite sarà che poichè si esiste, si dovrà vivere nel miglior modo possibile, sentendosi parte del tutto. insomma, come preconizzava Marx, pensare al plusvalore relativo. 

4. Greta

Trovo antipatico che adesso sia coccolata dalle stesse persone che ci stanno distruggendo, cercando di trasformare un movimento sacrosanto in qualcosa di folkroristico o shic. E' vero però che nel movimento siano presenti in nuce visioni politiche anticapitalistiche, che dovranno, spero, radicarsi e diventare centrali, ma senza imposizioni o mosche cocchiere. L'aspetto positivo è che è un movimento globale e giovane.E solo una visione ed una grandezza globale potranno salvarci.

 

0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

SAM 0093 (Large) (Custom)Non mi ci ritrovo più con nulla. Fondamentalmente la nostra storia, la nostra vita è ormai svolta su due piani duali che si autoalimentano e che interagiscono in modo contradittorio. Da una parte il mondo reale, fatto di cose, di fatti, di sensazioni e di interazioni tangibili, dall'altro la sua rappresentazione con una dimensione in meno, fatta di schermi piatti in cui il tempo scorre dall'alto in basso. I grandi, potenti e spietati padroni della Rete hanno ormai vinto la loro battaglia, spostando un miliardo e mezzo di persone in questo mondo piatto. Ha vinto e prevale il terrapiattismo digitale. Coloro che pensano ancora che la soluzione dei loro problemi avvenga nel primo mondo, sono relegati in un angolo sempre più stretto. La loro trincea si assottiglia sempre di più. Il mondo digitale non è solo quello delle app, dei social media ma anche quello dei sistemi broadcast, che plasmano il mondo di pensiero debole, col semplice trucco di eliminare la spazialità e comprimere l'asse temporale. L'importante, sui social, infatti, è essere veloci nelle risposte, altrimenti si viene relegati in un pattume digitale senza valore, in cui già la bassa autostima subisce un'ulteriore declassamnento. La velocità implica abbandono della riflessione critica e trionfo della epidermica emotività istintuale. Un fenomeno ulteriore che vedo è la recente trasformazione di tecnologie sincrone in asincrone, che spinge verso una "serfizzazione" del loro uso. Ad esempio Wattsapp, che da messaggeria sincrona e pratica di trasforma in un luogo pieno di selfie vocali, spesso lunghissimi, pieni di vuoti, che uno non legge subito, ma quando ha tempo e voglia, snaturando le caratteristiche della app.

Da questo punto di vista, rimango sgomento che queste piattaforme ormai siano il luogo della solitudine, della manifestazione all'esistenza, della ridondanza e della protervia economica, un mix micidiale che crea depressione, senso di inutilità, fristrazione onanistita. Ma questo è il loro scopo, addormentare la ragione e la meditatzione. Io scrivo queste cose sul mio blog, riflettendo e modificando, senza fretta. Io scrivo sul mio pc per essere letto e condiviso, ma fondamentalmente per me stesso, per fissare i miei pensieri di questo momento. Non ho alcuna ansia di far presto, non mi fotte nulla di avere una eiaculazione precoce di likes.

Ma torniamo a noi. Che mi interessa dell'ennesima foto di Salvini o analoghi, che testimoniano questo presente distopico nel loro squallore desolante, oppure lo sfogo di chi cita il tal poeta o il tale piatto di pasta? E' vero, talvolta lo faccio pure io, quando ho un momento di noia. Abbiamo un mondo , là fuori, che sta crepando a causa del capitalismo e noi ci rifugiamo nel terrapiattismo digitale in cui cerchiamo disperatamente di affermare che esistiamo. Ma dove? 

0
0
0
s2sdefault

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

energia mentale

Nel 2017, infatti, in Italia sono state vendute precisamente 4.827 auto elettriche (erano 2.560 l’anno precedente), appena lo 0,24% del totale dei veicoli italiani.

Mentre scrivo mi accendo l'ennesima sigaretta, mentre in cucina sta bollendo la pentola con le lenticchie. Da poco mi sono lavato con la carezzevole acqua calda della mia caldaia a metano. E si che ho una caldaia al 97 e dispari per cento di efficienza, con tanto di controllo remoto e fedele a ciò che dice Alexa. Tra poco uscirò con la mia auto bifuel (benzina + gpl), il cui motore, efficientemente giapponese, scoppietterà allegramente portandomi in giro. La mia vita è resa possibile, in ultima analisi, dalla fiamma. Il camino della casa al mare nei week end freddi e bellissimi mi riscalda e mi cucina. Senza la sacra fiamma che arde dentro di me, inoltre, non saprei come andare avanti. Il fuoco non sta solo vicino e dentro di me, ma, subdolamente, da lontano di permette di vivere. Il computer che sto usando, la luce che ho accesa in questo momento, risparmiosa e calda, a led, usano energia elettrica prodotta da una centrale termica che brucia qualcosa, non so neanche cosa: carbone, metano, olio, boh.

La carezzevole e confortevole fiamma, sta stronza, ormai sta bruciando e sta bruciando il nostro pianeta. Sette miliardi di persone stanno, chi più, chi meno, facendo le stesse cose che sto facendo io. C'è chi lo fa scialacquando, sprecando e disinteressandosi e chi invece lo fa per sopravvivere. E la fiamma sta lì, sempre la stessa, a produrre anidride carbonica, che riscalda il pianeta e lo avvelena.

Non c'è nulla da fare. E' necessario non bruciare più, o, per lo meno, ridurre le fiamme al minimo possibile. Come si fa?

Abbiamo bisogno di energia, questo è chiaro. E allora dobbiamo lavorare su più fronti. da una parte usarne il meno possibile, rendendo più efficiente il suo impiego e studiando bene cosa sia veramente il nostro benessere, dall'altra usare tecnologie che non producano anidride carbonica. E quai sono?

Vediamo. Una volta che abbiamo reso efficiente al massimo livello l'uso dell'energia, lottando contro gli sprechi e le cattive abitudini, rimane il fatto che è indispensabile usare una qualche fonte energetica. Cosa rimane? Il sole, i combustibili fossili e l'enegia nucleare. La prima e la terza non producono CO2, per le fossili il discorso è più complesso. Esse non sono eterne e producono CO2 a mappate. Sarebbe necessario, nel breve-medio periodo, fare in modo che non ne producano. Ed in effetti studi per usare il metano, rompendolo ("craccandolo") in carbonio ed idrogeno, ce ne sono e sono promettenti. Il carbonio puro potrebbe servire per fare acciaio e fibra di carbonio, l'idrogeno è un vettore energetico eccezionale, per quanto delicato da gestire. Ad oggi il cracking del metano è il 50% meno efficiente della sua combustione diretta, ma il vantaggio è che non produce CO2.

Per l'energia solare, l'uso termico o fotovoltaico o l'eolico (e si, l'eolico ed anche l'idroelettrico sono energie solari!), il loro impiego massiccio deve contemperare un uso del territorio non invasivo, altrimenti il secondo principio della termodinamica, l'unica legge universale mai violata, ci punisce e le rende inquinanti.

Quindi: una volta reso efficiente il nostro consumo di energia, una volta che abbiamo utilizzato fonti rinnovabili per riscaldarci e per fare acqua calda, rimane come far camminare, ad esempio, le auto ed i treni. Sono necessari, allora impianti grossi e potenti di produzione energetica. meno in numero, ovviamente di quelli attuali, ma inevitabili a medio termine. mentre aspettiamo la fusione del deuterio, cosa facciamo? Ahimè, qua tocchiamo l'intoccabile, il Moloch, la bestia.

0
0
0
s2sdefault

Portale di Fisica

23 Gennaio 2016
22 Gennaio 2016
01 Gennaio 2016
01 Dicembre 2015
20 Novembre 2015
11 Novembre 2015
10 Novembre 2015
08 Novembre 2015
05 Novembre 2015
04 Novembre 2015
03 Novembre 2015
02 Novembre 2015
21 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
13 Ottobre 2015
07 Ottobre 2015
04 Ottobre 2015
03 Ottobre 2015
18 Settembre 2015
17 Settembre 2015

Su me

Parlo di fisica, musica, viaggi di vario tipo.

Un posto dove sbariare, insomma.

Ultimi articoli di tutte le categorie

On Line

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online

Where

100%Italy Italy

Total: 2

SP Poll

Dio esiste?
© 2015 Il sito di giamod. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Search