slide0028_image085.jpg

Mi definiscono un buon divulgatore di cose di fisica. Contattatemi pure, se volete!
Una volta ho avuto modo di conoscere e di frequentare un signore che era vecchio, grasso ed anche un tantino rintronato; ripeteva, con l’ossessione tipica di chi non ha mai ricevuto la pietà di qualcuno, sempre le stesse cose che, secondo lui, lo avevano fatto apparire, in tutto il corso della sua vita, un autentico genio.

Le cose che diceva passavano come un fiume in piena da cui stoicamente si é inondati e, con lui, accadeva un fenomeno fisiologicamente impossibile: é possibile non vedere (basta chiudere gli occhi), é possibile non toccare, é possibile non odorare ma non é possibile, normalmente, non sentire, a meno che uno non si tappi le orecchie ed emetta a squarciagola degli orrendi versacci.

Invece con lui si diventava sordi senza ricorrere a scostumatezze. Ma una volta disse una cosa che non dimenticherò piú.

“Non si inventa nulla; piuttosto si trova, talvolta, ciò  che già esiste. Tutto esiste, basta saper cercare.”

Il mio strano libro

Ho trovato la recensione fatta da Martin Gardner (lo ricordate quando scriveva su SCIENZE di matematica ed affini?) di questo libro, acquistato in una libreria di Calcutta, che sto leggendo sulla spiaggia di Ngapali, in Birmania, un anno e mezzo fa. Svelo l'arcano: la copertina è stampata al contrario.

Aprile 2007
M è per "Messy", disordinato oppure Manchevole
di Martin Gardner.

Una revisione di "The Trouble With Physics: L'avvento della Teoria delle Stringhe, la caduta di una scienza, e quello che viene dopo", di Lee Smolin 

Per più di trenta anni, la teoria delle stringhe è stato quello che Murray Gell-Mann chiama "l'unico gioco in città." Con questo intendeva che era l'unico buon candidato per una TOE, o Teoria del Tutto. Non solo la pretesa di unificare relatività e meccanica quantistica, ma anche giustificare l'esistenza di tutte le particelle fondamentali. Invece di essere "puntiformi", esse sono modellate da filamenti di energia così piccole che non vi è alcun modo conosciuto per osservarle o anche per dimostrare che sono reali.
Una stringa può avere due estremità o essere chiusa come un elastico. Di grande resistenza alla trazione, le corde vibrano a frequenze diverse. Vivono in uno spazio di dieci o undici dimensioni, di cui sei o sette sono "compattate" in strutture minute inconcepibilmente attaccate ad ogni punto del nostro spazio-tempo quadridimensionale. La vibrazione semplice di una stringa chiusa produce un gravitone, la particella quantizzata della gravità. Uno dei primi trionfi della teoria delle stringhe è che presupponeva naturalmente i gravitoni.
Dopo un oscuro ed incerto inizio, la teoria delle stringhe lentamente cominciò a prender piede fino a diventare l'argomento più "caldo" della fisica. Migliaia di documenti sono stati pubblicati, libri di testo e di spessore sono stati scritti. Il modo più veloce per avanzare nei dipartimenti di grandi università era quello di lavorare sulle stringhe. Richard Feynman e Sheldon Glashow erano quasi solo tra i fisici famosi che erano scettici di questo andazzo. Ma da qualche anno a questa parte lo scetticismo inizia ad aumentare. Prima i dubbi sembravano sobbollire poi hanno raggiunto un punto di ebollizione lo scorso settembre, quando due eminenti fisici fanno sferrato attacchi contro la teoria delle stringhe. I loro libri possono segnare una svolta drammatica nella storia della fisica moderna.
Per anni, Lee Smolin ha guidato il carro della stringa. Dopo aver insegnato a Yale e Penn State, è diventato un ricercatore presso l'Istituto di Fisica Teorica a Waterloo, in Canada, un think tank che ha contribuito a fondare. The Trouble with Physics, il suo terzo libro, è un potente atto d'accusa. Egli vede la teoria delle stringhe come una non teoria, solo un insieme di congetture curiose alla ricerca di una teoria. È vero, ha un grande potere esplicativo, ma una teoria valida deve avere più di questo. Deve fare previsioni che possono essere falsificate o confermate.
In aggiunta a questo enorme mancanza di prove, la teoria delle stringhe ha subito altre battute d'arresto. E 'stata assorbita in un insieme più ricco di congetture chiamato M-teoria. La M sta principalmente per membrane (brane in breve), o per Magic, Mistero, Madre di tutte le teorie, o di qualsiasi altro termine che ti piace che inizia con M. In M-teoria, le stringhe sono brane unidimensionali che possono vagare libere o essere collegate a brane bidimensionali. Le Brane possono essere di qualsiasi dimensione, da 1 a 9. Una speculazione selvaggia è che il nostro universo 3-brane galleggia all'interno di una brana mostruosa con una dimensione in più. Per un semplice giornalista scientifico come me, la grande bellezza matematica della teoria delle stringhe presto è degenerata in M per Messy. Le sue membrane, a parere di Smolin, sono brutte come gli epicicli di Tolomeo fabbricati per descrivere i percorsi curiosi di pianeti come sembrano girare intorno Terra.
L'aspetto più preoccupante di corda / M-teoria è che le dimensioni compattate, noto come spazi di Calabi-Yau, possono assumere almeno centomila forme diverse. Questo ha portato al concetto da capogiro di un vasto "panorama" o "paesaggio" consistente in un multiverso che contiene un centinaio di migliaia, forse un'infinità di universi, ognuno con il proprio spazio di Calabi-Yau! Ogni universo avrebbe una selezione casuale di costanti fisiche, come la velocità della luce. Con ragionamento antropico, noi naturalmente viviamo in un universo con la giusta serie di costanti che rendono possibili le galassie, le stelle, i pianeti, e, su un piccolo pianeta, creature improbabili come te e me.
Altri imbarazzi aspetti delle stringhe / M-teoria sono accuratamente dettagliati da Smolin. I cosmologi hanno scoperto che la maggior parte del nostro universo è composto di "materia oscura", così chiamata perché è totalmente invisibile. Teorici delle stringhe non sono riusciti a prevedere e avere nulla di utile da dire in proposito. Una scoperta più recente è che l'universo si sta espandendo ad un tasso in lieve aumento. Tale accelerazione può essere causata solo dalla pressione di una misteriosa "forza oscura". Ancora una volta, scrive Smolin, la forza oscura non è stato prevista dalla teoria delle stringhe, e la teoria non ha alcuna buona spiegazione per questo.
Un capitolo nel libro convincente di Smolin divide fisici in due classi: artigiani che provano teorie; e veggenti, come Newton e Einstein, che creano teorie. Ciò di cui la fisica ora ha un disperato bisogno, Smolin è convinto, è un nuovo Einstein che può sostituire M-teoria con una TOE che può essere confermata da un esperimento praticabile.
Un altro capitolo è dedicato ai "veggenti solitari", che lavorano pazientemente all'esterno dell'establishment su congetture rivoluzionarie come la teoria delle stringhe. Roger Penrose, famoso fisico matematico di Oxford, è il più noto veggente. La sua teoria twistor, ahimè anche non verificabile, è il principale rivale di M-teoria. Come molti altri veggenti, Penrose pensa che Einstein avesse ragione di considerare la meccanica quantistica come "incompleta". Altri veggenti intrepidi stanno cominciando a mettere in discussione anche la relatività speciale. Poiché sia relatività e meccanica quantistica sono essenziali per M-teoria, trovando che queste teorie necessitano di revisione sarebbe, Smolin scrive, un altro duro colpo alla stringa / M-teoria.

In un capitolo sulla sociologia, Smolin introduce il concetto di "pensiero di gruppo" -la tendenza dei gruppi per condividere una ideologia. Questo crea un'atmosfera cult-like in cui coloro che sono in disaccordo con l'ideologia sono considerati ignoranti o stupidi. La maggior parte dei fisici legati alla mania delle corde, Smolin crede, sono diventati group-thinkers, ciechi alla possibilità che essi hanno sprecato tempo ed energie su bizzarre speculazioni che stanno portando da nessuna parte.

A dispetto di queste critiche Smolin, come Edward Witten, di gran lunga il più energico e creativo degli stringhisti, ritiene che anche se la stringa / M-teoria è finalmente abbandonata, porzioni di essa rimarranno feconde.
"La teoria delle stringhe non è neanche sbagliata." Si tratta di una citazione famosa dal grande fisico austriaco Wolfgang Pauli. Una certa teoria era così cattiva, ha detto che "non era neanche cattiva." Da questo voleva dire che era così fragile che non poteva essere confermata o falsificata.
01.jpg

Cosa faccio/ho fatto/mi piace fare

Difficile descriversi. Poi odio essere formale mettendo curriculum vitae o altro.

Computers/reti

Siti web, networking, molti patentini

Musica

Suonare, suonare

Fisica

prima mi occupavo di energia e fonti rinnovabili, ora di fisica di base, cosmologia, fondamenti della meccanica quantistica

Politica

malattia ormai senile, incurabile

Io e il Movimento

Una storia di qualche anno fa.

Un mio amico aveva questo amplificatore. Non lo usava e così glielo chiesi in prestito. Mi serviva un ampli perché mettemmo su un gruppo musicale col movimento studentesco (“La Commissione Artistica del Movimento Studentesco”) . Lo caricavo nella mia 500 piena zeppa di chitarre, ciarango, mandolino e la mia compagna.

Aveva un suono bellissimo, col suo eco a nastro. Suonavamo nel locali, nelle piazze, nelle università: canzoni di lotta, ballate popolari e quant'altro.

La nostra band era conosciuta anche per il fatto che aveva un formidabile reparto di cantanti: Massimo, Marcella, Patrizia, Franco, nonché un nostro fan che pretendeva sempre di suonare e cantare con noi: Tonino Cracrà. Avevamo cioè un bel suono, anche grazie  al 666.

Una domenica stavo studiando fisica a casa di Eugenio Bennato (ma questa è un'altra storia). La mia fidanzata invece stava a casa mia con mia madre e col 666.

Arturo Morfino, che aveva un locale, il Playstudio, mi conosceva e sapeva del "mio" ampli. Ci aveva ospitato molte volte.

Telefona a casa mia e parla con Luciana: "C'è da me un cantante a cui si è rotto l'ampli. Me lo puoi prestare?" Luciana mi telefona e dico di si. Un taxi preleva lei ed il 666 e li porta al Playstudio. Il concerto di Franco Battiato può aver luogo. Li raggiungo sul finire e ascolto le lodi ed i ringraziamenti, ovviamente ricambiati.

Una settimana dopo Arturo mi richiama dato che due sciamannati romani non avevano un ampli. Ed io riporto di nuovo il 666. Cosi Francesco de Gregori e Antonello Venditti possono suonare. Credo che il 666 amplificasse il piano di Antonello.

Passati venti giorni  Edoardo Bennato mi chiede se può suonare la sua chitarra col 666. E vai!

Il 666 ritorna da me, ma il mio amico, legittimo proprietario, lo reclama indietro.

Non posso non darglielo. Molto a malincuore.

Dopo un mese che non lo possiedo più, il mio amico subisce un furto in casa e rubano il 666, di cui non si hanno più notizie.

Spero, anzi credo, che le le note che ha aiutato a creare siano lì, congelate in qualche punto dell'universo.

Su me

Parlo di fisica, musica, viaggi di vario tipo.

Un posto dove sbariare, insomma.

Ultimi articoli di tutte le categorie

On Line

Abbiamo 10 visitatori e nessun utente online

Where

100%Italy Italy

Total: 2
© 2015 Il sito di giamod. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Search