Blog

L'avvento dell'era digitale

La AppChe cosa e il sistema binario e che differenza ce tra bit e byte 300x212le ha dichiarato una liquidità di oltre 2 miliardi di euro. Altre aziende appartenenti al comparto dell'IT hanno profitti confrontabili con quelli di stati medio-piccoli. Mi sono chiesto a cosa porterà tale enorme accumulazione di profitti e da cosa dipende.

E' in parte vero che adottano tecniche molto sofisticate di elusione fiscale, triangolando i loro profitti in modo tale da dirottarli verso i paradisi fiscali. ma, appunto questo è solo un aspetto della questione. Un altro è il loro asset: in alcuni casi semplicemente non esiste o è trascurabile, come nel caso di Google o Facebook. Pochi impiegati, solo computers. In altri casi, quelli che producono hardware, dislocano tale produzione in aree con bassissimo costo della manodopera. Il costo, eccessivo, dei loro prodotti è frutto di brand marketing.

Ma c'è un aspetto raffinato e sfuggente in queste aziende e nell'economia che determinano. La trasformazione di lavori che prima venivano svolti spostando atomi (per dirla alla Negroponte), oggi viene svolto spostando bit, inpulsi elettrici senza massa. Sono gli stessi bit che azionano i robot o le macchine a controllo numerico nelle fabbriche. Sono gli stessi bit che mi fanno usare il pc o lo smartfone. Ed il il pc lo uso in vari modi: scrivo una lettera ed in tal modo risparmio carta e penna. Si abbattono forse meno alberi e si producono forse meno penne. Meno boscaioli, meno operai nelle cartiere, meno operai che fanno penne. Prenoto il mio viaggio e falliscono le agenzie di viaggi. Risolvo i miei problemi col fisco, sostituendomi a decine di impiegati equivalenti. Mi sfogo su fb, anzichè andare al bar o in piazza a litigare. In questo caso risparmio benzina e caffè o psicofarmaci.  Qualunque cosa faccio al computer sostituisce qualche cosa di fisico, può essere buono o cattivo, ma va a eliminare lavori fatti da uomini.

Chi gestisce un servizio digitale, qualunque esso sia, oltre a pagare le tasse secondo le leggi dei paesi in cui essi sono espletati, dovrebbe pagare anche una bit-tax calcolata in base a quante maestranze equivalenti sono necessarie per fare lo stesso lavoro materialmente. Ad esempio, se ho una fabbrica di automobili che, per mezzo della robotizzazione risparmia il 70% di forza lavoro, dovrebbe corrispondere, tenendo conto degli ammortamenti, per lo meno il 60% di propri profitti allo stato. In tal modo, generalizzando tale regola, si libererebbero risorse da redistribuire a chi non lavora più, per poter fare due cose: comprarsi ciò che fanno i robot o avere risorse per poter investire su se stessi. E' utopico? Forse, ma necessario. L'automazione, cioè, dovrebbe trasformarsi da distruttore di lavoro in occasione di riconversione mondiale dell'umanità.

 

Portale di Fisica

23 Gennaio 2016
22 Gennaio 2016
01 Gennaio 2016
01 Dicembre 2015
20 Novembre 2015
11 Novembre 2015
10 Novembre 2015
08 Novembre 2015
05 Novembre 2015
04 Novembre 2015
03 Novembre 2015
02 Novembre 2015
21 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
20 Ottobre 2015
13 Ottobre 2015
07 Ottobre 2015
04 Ottobre 2015
03 Ottobre 2015
18 Settembre 2015
17 Settembre 2015

Su me

Parlo di fisica, musica, viaggi di vario tipo.

Un posto dove sbariare, insomma.

On Line

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online

Where

100%Italy Italy

Total: 2
© 2015 Il sito di giamod. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Search